COMUNICARE CON I MORTI, COMUNICARE CON I MORTI

« Older   Newer »
view post Posted on 13/12/2008, 17:41 Quote
Avatar

Cartomante

Group:
Administrator
Posts:
1,237
Location:
genova

Status:


COMUNICARE CON I MORTI - TAVOLE OUIJA.



kcasxa5jwca82u96wcahcjb


Gli spriti secondo studiosi e persone che affermano di sentirli, di vederli, parlare con loro oppure percepirli cercano un contatto con il mondo dei vivi, anche attraverso "segnali" , ad esempio molte testimonianze di persone che hanno visto uno spettro, fantasma o entità, chiamatela in uno di questi modi, avverte d'apprima un senso di gelo, pelle d'oca su tutto il corpo ma in particolar modo sulla nuca, un senso di soffocamento e di paralisi avvolge l'interesato ed in seguito vi è la "visione".Queste entità comunicano con noi esseri umani ancora nel mondo dei vivi tramite dei mezzi, tipo tavolette OUIJA, tavolette in legno o in cartone con incise su di esse lettere e numeri che vengono utilizzate appunto come tramite per "parlare" con gli spiriti.
Su quasi tutte le tavolette OUIJA troviamo le parole "SI""NO" su alcune troviamo anche "BUONGIORNO" BUONASERA""FORSE" un'altra parte fondamentale per poter utilizzare le tavolette è la planchette che viene fatta scorrere sulla tavoletta fino al raggiungimento della lettera o numero o frase(vedi foto a sinistra), alcune planchette hanno nel centro un foro circolare per vedere meglio il carattere segnalato.L'intento originale delle tavolette OUIJA non era quello di comunicare con l'aldilà ma come gioco in scatola.
Il gioco in scatola fu brevettato il 10 febbraio 1891 da Charles Kennard, della Kennard Novelty Company, rinominata in seguito Ouija Novelty Company, da cui il nome delle tavolette, l'inventore delle tavolette è sconosciuto.
Kennard in seguito fu sostituito dal collega William Fuld il quale incrementò le vendite del "gioco in scatola".
Fuld nel 1927 cadde dal tetto della fabbrica durante dei lavori sullo stabile e la sua morte si mormorò fosse d'apprima un incidente, poi un suicidio, in seguito si mormorò che l'uomo fosse stato posseduto, da qui il mito delle "tavolette per gli spiriti"OUIJA.
In seguito all'incidente le redini della ditta passarono in mano ai figli di Fuld i quali crearono tavolette in cartone, non più in legno con disappunto dei collezzionisti.



MEDIUM E SENSITIVI:


Un altro mezzo per comunicare con l'aldilà sono i medium e i sensitivi, persone che affermano di poter parlare con i defunti e che sarebbero in grado di riferire con estrema precisione particolari di una vita vissuta con il defunto, particolari, magari mai rivelati a nessuno, i medium sarebbero in grado di parlare con i morti e sarebbero in grado di permetterci di comunicare con loro, l'incorprazione e la trance , in cui il defunto letteralmente si impossessa del corpo del medium per comunicare con i vivi avviene spesso, oggetti che si animano o rumori fanno percepire la presenza nell'ambiente in cui si trova il medium o sensitivo.
Premettendo che vi sono fenomeni legati ai medium e ai sensitivi straordinari e privi di una spiegazione logica, le truffe da parte di medium abbondano e molti sfruttarono nel passato e sfruttano tutt'ora la loro "capacità" medianica a scopo di lucro, molti di questi personaggi truffaldini furono smascherati e denunciati, personaggi anche di nota fama, come Houdini, ricorrevano a trucchi di ogni genere pur di creare effetti legati al paranormale.
Il vero Boom legato a questa attività medianica si ebbe quando un catalogo venne messo in commercio in cui venivano venduti i "trucchi del mestiere" ai cosidetti medium tipo finti ectoplasmi, tavoli girevoli o lievitanti, arti finti, un po' di tutto insomma......
POLTERGEIST:
I poltergeist altro fenomeno legato ai fantasmi, fantasmi cattivi, dispettosi?
Un altro metodo che talvolta gli spiriti adottano per comunicare con i vivi è quello del Poltergeist, termine di origine tedesca che significa"spirito chiassoso", infatti i poltergeist provocherebbo rumori"molesti"come lo sbattere di finestre, porte, oggetti che cadono, che si muovono senza apparente motivazione e senza intervento umano, presenza di voci continua, urli nella notte, luci che si spengono o accendono da sole.
Nel passato si asseriva che i poltergeist agissero in questo modo "chiassoso"con l'intento di allontanare o spaventare gli abitanti dalle loro case in quanto non ben accetti dal poltergeist.Anche in questo caso però ci sono le truffe ma ci sono anche casi inspiegabili.
I poltergeist sono l'opposto degli eterei fantasmi, i quali appaiono talvolta silenziosamente, un' ombra nella luce, i poltergeist al contrario lasciano un segno tangibile del loro passaggio oggetti e arredi spostati o rotti, urla disumane sono gli scenari del passaggio di un poltergeist.
Secondo la PARAPSICOLOGIA il fenomeno poltergeist è collegato alla mente umana alla "Psicocinesi Spontanea Ricorrente" in cui Psico significa psiche e cinesi significa movimento, quindi è lo studio della possibilità di spostare gli oggetti con la forza della mente. Generalmente questi fenomeni di psicocinesi sono legati ad un accumulo di energia psichica dovuto a stress in persone rarissime e spesso giovani in età adolescienzale, in cui gli ormoni sono attivi, in taluni casi qeusta energia può trasformarsi in energia psico_cinetica.
Simulare in laboratorio casi di psicocinesi e' impossibile in quanto i fattori di stress di una persona e sopratutto trovare una persona con queste capacità e' impossibile.


SCRITTURA AUTOMATICA:


Un altro metodo per comunicare con i vivi e' la Scrittura Automatica.
Allan Kardec nel 1861 in Francia diede origine alla "Moda"della scrittura automatica come metodo sicuro per comunicare con i defunti.
Nella scrittura automatica la persona appoggia la mano con una penna su di un foglio bianco ed apparentemente in trance o in stato di veglia inizia a scrivere senza avere la consapevolezza dei contenuti di ciò che sta scrivendo e senza intervenire direttamente sulla scrittura e vede apparire nel foglio frasi o disegni di cui non conosce la natura ma che vengono attribuiti a spiriti che vogliono comunicare con noi attraverso questo tipo di scrittura.
La scrittura automatica in teoria può essere praticata da tutti, sia per comunicare con i nostri SPIRITI GUIDA, con i nostri cari defunti oppure con personaggi famosi, oppure con Dio perche' in questi ultimi anni esiste un legame tra scrittura automatica e religione, l'unico neo, ma non per questo non da considerare, della scrittura automatica è la pericolosità della stessa, in teoria non si sa con chi parliamo, non sappiamo chi ci usa come tramite e nell'aldilà non sono tutti spiriti buoni si puo' incappare in un poltergeist ad esempio ed avere conseguenze devastanti.
Anche nella scrittura automatica la PARAPSICOLOGIA trova una spiegazione razionale:è il subconscio di chi la pratica a dettare le frasi e le parole che vengono riportate.

SPIRITI GUIDA:

Gli spiriti guida sono entità superiori che hanno il compito di proteggere l'essere umano e di aiutarlo nei momenti di difficolta', come già detto gli spiriti guida comunicano con noi, solo se lo vogliono, tramite la scrittura automatica oppure tramite un pendolino metallico attaccato ad un filo.

FANTASMI E MAGNETISMO:

Secondo numerosi studi ed esperimenti condotti in laboratorio il magnetismo terrestre e determinate condizioni climatiche e di luce possono "creare" un fantasma.
Le variazioni magnetiche sono molto intense in zone infestate dai fantasmi, sia in abitazioni che altri luoghi rispetto a zone dove non sono segnalate "presenze".
Studi hanno dimostrato che l'applicazione in determinate zone del cervello umano di campi eletttromagnetici possono indurre sensazioni fisiche e metafisiche, tipo la sensazione di parlare con Dio.
Una teoria interessante, ancora da studiare a fondo, in cui una spiegazione logica e razionale per i fantasmi e poltergeist è tangibile.


I METODI

Non è detto che un MEDIUM si esprima sempre e comunque solo durante una seduta spiritica. Chi possiede la sensibilità può percepire le presenze anche venendo a contatto con oggetti o trovandosi in luoghi ove in passato è avvenuto un fatto emozionalmente carico da restare impregnato, nei muri dell'abitazione o nello spazio vuoto di uno spazio all'aperto, dell'anima di un defunto inquieto.
L'importente è mantenersi rilassati e recettivi in tali frangenti per captare anche le più piccole sfumature che possono comprovare la presenza di uno spirito.
Comunque, famosissia, è la tavola OUIJA usata molto agli inizi dell'800 ma anche oltre, per comunicare con l'aldilà.
Il MEDIUM poggiava le dita su un lato della PLANCHETTE mentre lo spirito faceva altrettanto dall'altro lato e aiutava la MEDIUM, spostando lo strumento dotato di una rotellina, a scivolare sul tabellone su cui erano incise delle lettere per comporre pazientemente (a volte occorreva molto tempo perchè l'operazione poteva avvenire anche molto lentamente) delle frasi di senso compiuto.

Questa famosa TAVOLETTA fu successivamente sostituita dal famoso "bicchierino" o "piattino" appoggiato su un tabellone simile alla tavola OUIJA o su di un tavolo al centro di un circolo di lettere.

Molti hanno preso poco seriamente questo tipo di seduta che, come quelle effettuate dai medium preparati, avviene attorno ad un tavolo con le mani dei presenti o unite o appoggiate sul tavolo stesso con il solo mignolo che si tocca da un partecipante all'altro, a formare una catena; la catena e l'unione degli spiriti dei vivi che partecipano è importante ai fini di una buona riuscita della seduta.
Forse molti pensano che usare il "BICCHIERINO" sia semplicemente un gioco, un passatempo per ingannare le noiose serate invernali.
Ma non è proprio così, sia che tra i partecipanti esista un MEDIUM o un potenziale MEDIUM o che tra coloro che si "divertono" ci sia anche un individuo impressionabile o eccessivamente fantasioso; si deve comunque considerare il fatto che si stanno unendo la psiche di varie persone e che riesca o meno il contatto con un defunto, possono scattare meccanismi inconsci da parte dei partecipanti da risultare poi negative e pesanti.

QUINDI MAI PRENDERE CERTE COSE SOTTO GAMBA. SE NON SI CREDEDE E' MEGLIO LASCIAR PERDERE, SE SI CREDE E' MEGLIO AFFIDARSI IN MANI SERIE E PREPARATE.

CONCLUSIONI

Ci sono degli equilibri da rispettare.
I due mondi, benche' siano paralleli, non possono coesistere in uno stesso spazio onde evitare disastri sia a livello di stabilita' mentale da parte dei vivi che di non riposo da parte dei morti...
I defunti quando vogliono comunicarci qualcosa si mettono in contatto con noi attraverso mille canali e, a quel momento, non ci sono ostacoli che tengano; quando vogliono, loro sanno come fare per giungere sino a noi.
Ci sono Medium molto bravi e seri che vanno a disturbare il sonno dei defunti e sanno come contatttarli ma tutto questo farlo solo per sodisfare un desiderio di chi resta, per compensare in qualche modo il vuoto lasciato da una persona che ci e' stata cara in vita disturbando il suo riposo, questo non ci pare assolutamente giusto.
E benchè meno fare sedute spiritiche solo per vedere chi si mette in contatto.
Non sempre i morti vogliono comunicare. Se non hanno nulla da dire tacciono nel loro silenzio infinito.
Il defunto cerca il medium quando e' morto con dolore ed e' tormento oppure perche' ha ancora delle cose in sospeso, perche' ha lasciato qualcosa da fare nell'aldiqua' e non trova per questo la pace.

Piu' spesso sono più le persone che restano che si tormentano per la perdita della persona cara piuttosto che i defunti.
La sola cosa che si puo' fare e' mettersi l'animo in pace.
Rispettiamo il loro sonno e il loro silenzio.
Il nostro stesso atteggiamento positivo infonde loro tranquillita' ma se noi non siamo tranquilli e non riusciamo a farci una ragione della loro perdita anche loro non troveranno mai pace nel sonno eterno ...


VIOLA CARTOMANTE

Edited by viola11 - 20/10/2011, 14:52


Pagina Facebook



p078_1_11_1
FORUM LE SIBILLE DI VIOLA
 
PM Email Web  Top
0 replies since 13/12/2008, 17:41